La Venere moderna di Francesco Hayez: “una singolare e sentimentale vicenda” | Presentazione del libro di Roberto Pancheri

 

Gli ingredienti per il perfetto ménage a trois ci sono tutti: un pittore di grido, un’avvenente ballerina francese, un aristocratico di mezza età che l’adora. E sullo sfondo una sonnacchiosa città di provincia, italiana solo a metà, nota al mondo per essere stata la sede di un concilio. Davvero nulla di straordinario, se da queste premesse non fosse scaturito uno dei capolavori della pittura italiana dell’Ottocento: la Venere che scherza con due colombe di Francesco Hayez. Esposta nell’estate del 1830 all’Accademia di Brera, l’opera divise l’opinione pubblica e suscitò sulla stampa un mare di polemiche, avendo il pittore osato conferire alla dea della bellezza le sembianze imperfette di una donna reale. Giunta a destinazione a Trento, l’opera fu gelosamente custodita in casa del suo committente, il conte Girolamo Malfatti, e rimase inaccessibile al pubblico per quasi un secolo, fino alla sua casuale riscoperta e alla sua esposizione a Venezia nel 1923, che ne consentì la rivalutazione in sede critica.


Discuteranno con l’autore

Alessandra Tiddia
curatrice e conservatrice, Mart

Valerio Terraroli

professore ordinario di Storia della critica d’arte all’Università di Verona

Roberto Pancheri, storico dell’arte, è conservatore del Museo del Castello del Buonconsiglio.

 

Martedì 18 gennaio - ore 17.00
Presentazione del volume
La Venere moderna di Francesco Hayez: “una singolare e sentimentale vicenda”
di Roberto Pancheri
Scripta Edizioni, 2021
→ in presenza presso la sala conferenze della Fondazione Caritro di Rovereto | Piazza Rosmini 5
Per accedere è necessario esibire il Green Pass rafforzato. Entrata libera fino ad esaurimento posti.
→ in modalità Webinar a questo link: https://us02web.zoom.us/j/86566905986 

 

 

 

Patrocinatori

Fandazione Caritro Comune di Rovereto

Soci sostenitori

Dolomiti Energia Metal Sistem Distilleria Marzadro Comunità della Vallagarina Cassa Rurale AltoGarda Rovereto Amici di Calio