Clemente Rebora nella cultura italiana ed europea

Atti del convegno, ottobre 1991

a cura di G. BESCHIN - G. DE SANTI - E. GRANDESSO

Editori Riuniti, Roma 1993

La figura e l'opera di Clemente Rebora (1885-1957) sono da alcuni anni vigorosamente emerse nel dibattito critico sulla poesia e la parola poetica del Novecento, fino a costituire uno dei casi più rilevanti di "riscoperta" di una esperienza creativa sui cui snodi si possono ridisegnare le linee critiche della poesia del nostro secolo. Gli scritti che compongono questo volume, frutto del fondamentale convegno a Rovereto, inquadrano in maniera ampia e articolata il poeta e la sua opera. Unite per confronto o per contrasto, si intrecciano analisi e dissertazioni sulla linguae sul disegno poematico, sull'esperienza della guerra e sulla ricerca delle filosofie orientali, sul pensare poetico e la dimensione del silenzio e del segreto, fino alla scelta cristiana e sacerdotale compiuta in età matura e il ritorno, negli ultimi anni, alla poesia. Il terreno di analisi si espende qui decisamente alla dimensione del maggiore Novecento europeo, dai poeti e intellettuali degli anni Dieci agli autori russi tradotti da Rebora, attraverso i grandi maestri dell'Ottocento e la lezione di Dante. L'autore dei Frammenti lirici viene dunque inserito tra i maggiori interpreti del nostro tempo: testimone iquieto e controcorrente, in una ricerca tormentata ma fermamente coerente che l'ha portato a "sbocciare non visto", umile e preziosissimo maestro di stile e di autenticità.

 

Indice
 
Danilo Vettori, Prefazione
pag. IX
 
Avvertenza
pag. XI
 
Clemente Rebora nella cultura italiana ed europea
 
Carlo Bo, Introduzione
pag. 3
 
Ortese Macrí, La poesia di Clemente Rebora. («Dall'immagine tesa»: i segni dell'appello)
pag. 7
 
Giuseppe Nava, La lingua di Rebora
pag. 47
 
Fernando Bondini, Frammento e disegno poematico in Clemente Rebora
pag. 59
 
Renata Lollo, Biografia interiore e interiorità della parola in Clemente Rebora (con un autografo inedito)
pag. 69
 
Gianni Scalia, il pensare poetico di Clemente Rebora
pag. 107
 
Giovanni Raboni, Rebora e il Novecento
pag. 115
 
Franco Lanza, Rebora e D'Annunzio
pag. 119
 
Margherita Marchionne, Rapporti tra Clemente Rebora e Giuseppe Prezzolini
pag. 135
 
Silvio Ramat, La poesia di Rebora nel giudizio dei suoi primi lettori
pag.143
 
Mario Cossali, Clemente Rebora e la guerra: un'esperienza umana e poetica
pag. 165
 
Donatella Marchi, «Canti anonimi»: piano/forte
pag. 173
 
Sadi Marhaba, La figura della «mamma» nella poesia di Clemente Rebora. Note psicologiche e anti-psicologiche
pag.187
 
Giorgio Bárberi Squarotti, La città e la guerra
pag. 195
 
Giuseppe Beschin, Il significato dell'amore in Antonio Rosmini e Clemete Rebora
pag. 219
 
Donato Valli, Rebora e la poesia religiosa del Novecento
pag. 267
 
Gualtiero De Santis, L'espressionismo reboriano all'indice della letteratura europea
pag. 283
 
Enrico Grandesso, Nel foco che li affina: Clemente Rebora e T.S. Eliot
pag. 297
 
Brian Cainen, Gerard Manley Hopkins e Clemete Rebora. Poesia e religione
pag. 317
 
Sergio Leone, Note sulla traduzione reboriana del «Cappotto» di Gogol'
pag. 325
 
Giuseppe Ghini, Rebora e Andreev
pag. 341
 
Maura del Serra, L'anello di Saturno: l'Oriente dell'anima nel Rebora degli anni Venti
pag. 359
 
Brenda Wallace, Il modello mistico del «Curriculum vitae»
pag. 369
 
Alfeo Valle, L'esperienza religiosa e poetica di Rebora nel «periodo roveretano»
pag. 395
 
Umberto Muratore, La vocazione rosminiana di Clemente Rebora
pag. 409
 
Roberto Cicala, Dante modello per Rebora. Fortuna critica e postille inedite alla «Divina Commedia»
pag. 423
 
Massimo Corsinovi, Il simbolismo dell'ape nella poesia di Clemente Maria Rebora
pag. 443
 
Gregorio Scalise, Verso il confine del poeta: Clemete Rebora
pag. 453
 
Carlo Carena, Conclusione
pag. 465
 
Indice dei nomi
pag. 471